Terapia per il trauma: EMDR

L'EMDR è stato riconosciuto in ambito scientifico e accademico come uno dei metodi evidence-based per la terapia del Disturbo post traumatico da stress e quindi del trauma. Tale metodo permette di accedere alle informazioni immagazzinate nella memoria, stimolare il meccanismo di elaborazione e portarle alla risoluzione. Le risposte biochimiche (adrenalina, cortisolo) che possono essere prodotte dal nostro corpo durante un evento traumatico bloccano il sistema di elaborazione delle informazioni del nostro cervello, lasciando isolate in una condizione di stasi le informazioni collegate al trauma, intrappolate quindi in una rete neurale con le stesse emozioni, convinzioni e sensazioni fisiche che esistevano al momento dell'evento.
Alla base della patologia clinica si pensa che ci siano dei ricordi immagazzinati in modo disfunzionale e proprio grazie all'EMDR, questi ricordi vengono elaborati e immagazzinati attraverso un processo di ri-consolidamento.  È un approccio terapeutico integrativo, che permette di rielaborare  il pensiero relativo al ricordo, quindi modifica l'idea di sè e del proprio valore. L'uso dell'EMDR viene speso nella cura di  molte psicopatologie quali disturbi d'ansia, depressione, attacchi di panico (cit. in Fernandez I., et al., 2011). È distinto in 8 fasi e basato sulla stimolazione bilaterale (movimenti oculari, tamburellamenti, toni uditivi). C'è un cambiamento significativo nell'attivazione delle aree  dopo la terapia con EMDR, da regioni limbiche con valenza emotiva elevata a regioni corticali con valenza associativa. Grazie a questo metodo è possibile diminuire le spiacevoli e dolorose sensazioni corporee e  attenuare contemporaneamente le emozioni negative, fino alla totale scomparsa dei sintomi.
L'obiettivo dell'EMDR è di muovere, soprattutto attraverso la stimolazione bilaterale, il sistema innato di elaborazione dell'informazione, per trasformare le percezioni immagazzinate in modo disfunzionale.
"Dopo l'uso dell'EMDR il paziente ricorda ancora l'evento ma sente che tutto ciò fa veramente parte del passato e il contenuto è totalmente integrato in una prospettiva più adulta" (Ferdandez I., Maslovaric g., Veniero Galvagni M., 2001).

BIBLIOGRAFIA
APA (American Psychiatric Association) 1994  Manuale diagnostico  e statistico dei disturbi mentali (DSM-IV).
Fernandez I, Maslovaric G., Veniero Galvagni M., (2011.) Traumi psicologici, ferite dell'anima. Liguori Editore
Forgash C., Copeley M., (2014). EMDR e Ego state therapy. Il trattamento dei traumi e della dissociazione. Edizione multilingue
Liotti G., Farina B, Sviluppi traumatici. Raffaele Cortina